Dettagli progetto

Una carta che al tocco sembra umida, irresistibilmente morbida, ma resistente agli strappi e alle pieghe.
Rilegato con corda di lino, sarà un taglio ad aprirlo.
Ogni quartina ha dentro di sé un tabù, un’araldo nascosto, un volto dal passato, testimone grande, che la percorre come una brezza, un’immagine che continua ad affiorare tra i mulinelli del vento.